Prosecco Superiore DOCG, Tipico Extra Dry di Carpené Malvolti

24 Views 0 Comment

Carpené Malvolti nasce nel 1868 a Conegliano, nel cuore delle valli del Prosecco, dove tra scoscesi pendii si susseguono a perdita d’occhio filari di uva che vengono poi trasformati in Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG e Prosecco DOC Treviso.

Nell’area DOCG storica di Conegliano e Valdobbiadene, si raccolgono le uve per questo Prosecco metodo Charmat da accompagnare ad aperitivi, piatti leggeri della cucina mediterranea e cocktail.

Un perlage elegante e un colore giallo con riflessi verdognoli lo rendono unico nel suo genere.

Vitigno Glera 100%

Vigneti situati nell’area DOCG storica Conegliano – Valdobbiadene. Ottima esposizione sud/sud-est. Altitudine media 200/300 metri s.l.m.

Colore: giallo paglierino con riflessi vedognoli.
Bouquet: molto delicato e fruttato con sentori di mela.
Gusto: fruttato, morbido e allo stesso tempo asciutto grazie alla caratteristica acidità.
Perlage: finissimo e persistente, da una particolare sensazione di vivacità ed eleganza.
Gradazione alcolica: vol. 11% circa, secondo l’annata.

La Carpenè Malvolti è tra le aziende pioniere della comunicazione pubblicitaria nel settore vinicolo e spesso l’ha studiata con modalità innovative e all’avanguardia, introducendo prima di altri l’uso dei “testimonial”.
Tuttora le affissioni storiche della casa Carpenè sono oggetto di mire collezionistiche.
Ai Carpenè si deve anche il primato della dicitura “Prosecco di Conegliano” in etichetta, ideata nel lontano 1924.

Passione e tradizione, ricerca e innovazione tramandati di padre in figlio per oltre 145 anni: questa è la Carpenè Malvolti, prima a spumantizzare il Prosecco di qualità ed ancora oggi “Azienda di marca” leader in Italia e in diversi mercati nel mondo. Nata nel 1868 dal sogno di Antonio Carpenè di produrre un vino spumeggiante con le uve raccolte sulle colline di Conegliano e Valdobbiadene, un sogno divenuto una missione: quella di produrre in ogni vendemmia vini spumanti di alta qualità, che ancora oggi continua ad avverarsi giorno dopo giorno.

0 Commenti

Lascia un Commento